Poesia

Madre terra

Esplosioni d’ogni dal popolato luogo

impone natura suo di primo degno

regno nativo di perfezione una padrona

che ad ogni albero estirpato ne piange

anima sua del peccato lacrima versa continua

in oceani che di venti torna vulcano

d’egoismo resta l’umanità punita

sicchè chiarezza di morale doni giustizia

dal dover si genera nato principio

colmar di rabbiosa calamità

nulla fece madre terra mai per esser ferita

di spoglio cuore dal canto mio donerei il cor

cotanta è colpa che risiede in me sentimento

per dispiacere d’una semplice mansione

in dover perpetuo sta

il compito ognuno risponde

generar catene d’amore ad onde

che le spiagge di bacio ultimo mai sia

ricordi addolciti di grato presente donato

che già di solo questo infinito tempo

un restituir ne vada riservato

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.