Poesia

Caval donato

Forse perché di poco immagine ne resta occhio

tale che dimenticato ne va sapor e principio

eppur concentrata intensa nell’aria

alcun di notar nn sfugge beatitudine

quiete d‘un gesto venuto di cuore

traverso egual tempesta poi vinta tempo depenna

infinito è il momento di un sorriso al cosciente

pura la via che espira frutto in suo dono

solcate scie dal reale che dal solo profumo

sentimento muove fispargee disparge

d‘onde ad ellisse disegnano l’eterno in abbraccio

il trasporto muto ne china capo segno di rispetto

Poi colto in tuo unico dal fare in modo speciale

spinge luce che in faro altrove rinasce tua guida

morte non toglie sapor di cotanta festa

Compito ambire di preziosa diffusione al potuto

per chi da questo viver in palco di vita teatro

ne usciràà vinto e beato

senza lucro a scalfir il caval donato

di possibilità retti avanzando a passo grato

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.