Poesia

Sinfonia d‘arduo acuto

orchestre di parole d‘argomento in suo unico

valor d‘amato amor di vita in nostro prestato

che di tutti i neri di luce non mancò il passo

ed acuta per l‘arduo tener or sona sinfonia

melodiche righe in rima dal vissuto in piena

Delle lune calar presenza ebbe sguardo fino

che di raggio in giorno poi ponente sparso fu

osservato non restò alcun elemento al provato

d‘ogni possibile ella ne lesse essenziale

tradotto modo di sola punteggiatura n‘inventa

pregiata al cospetto devota d‘universo tempo

nessun spazio regala magia al relativo saper

temerario d‘un compito di spada in roccia sa

allorché di coraggio e devota se ne impegna

silente d‘ogni riguardo in segreto pone inferiore essere

giacché l’interesse mai le diede moneta né cravatta in voluto

ma di penna veduta ne scrive oramai flusso

non si tema messaggio d‘oltre natura poteri

benché d‘ultima potuta lezione ne chiede coscienza

al dar di suo tributo sacrifizio in lacrima

diamante pianse e tagliò cuor d‘infinito

Che di ciò non porta prezzo eppur rispetto in stato

d’innocenza umiltà ne rima mondo marvegliato

Poi pace sia scalpita scienza in dono aggiunto

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.