Poesia

Paura

Colli inermi di pensieri vaganti

ululano alla luna i loro perché

rime di ansioso regime

che dal temer catene infligge

liberarsi al parer contorto tace

groviglio di potere al cuore vien represso

e di buio illumina paure

acceso un pensato confuso si fa posto

sembra spostar di ordine tuo

al tentativo arrende la presa saggia e forte

così che semplice appare la resa al suo regnar

seppur di facile impegno chiede

il solo debole tuo in coraggio Esser accetto

che di stima rendi messaggio all‘io di merito

e nessuna fatica di futile odora

finché anima si vince e vola

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.